martedì , 28 Maggio 2024
Home Economia circolare Purity for Life: conosciamo il know-how di Norit
Economia circolareInterviste

Purity for Life: conosciamo il know-how di Norit

Carboni attivi, sostenibilità e innovazione: i tre pilastri della multinazionale olandese

Fabio Fabbri, Amministratore Delegato Norit
Fabio Fabbri, Amministratore Delegato Norit

NORIT® Activated Carbon è uno dei più grandi produttori nel panorama internazionale della produzione di carboni attivi. La sua storia parte dal 1916, quando in Olanda, più precisamente a Zaandam, viene aperto il loro primo stabilimento che inizia questo innovativo processo di produzione, successivamente l’azienda si espande velocemente anche in altri paesi.

Nel 1961 NORIT® arriva anche in Italia, qui viene avviato l’impianto per la riattivazione dell’acqua industriale e potabile.

Cosa sono i carboni attivi e come si collegano a NORIT®?

Abbiamo avuto la possibilità di conoscere questa multinazionale alla fiera di Ecomondo, tenutasi a Rimini nel mese di novembre di quest’anno; e sempre durante l’evento, l’amministratore delegato della multinazionale Fabio Fabbri, ci ha lasciato una piacevole testimonianza.

Ma sappiamo che può sembrare una realtà complicata, tranquilli, ve la raccontiamo noi!

Carbone attivo | Norit | riattivazione
piccoli granuli di carbone attivo

Partiamo dai carboni attivi… cosa sono?

Sono delle sostanze porose composte principalmente da carbonio e sono caratterizzanti da una struttura fatta da piccoli spazi tra le loro particelle che sono in grado di catturare e bloccare molecole di gas e liquidi, proprio questa capacità di assorbimento è molto importante perché li rende delle sostanze utili in numerosi contesti.

Le diverse tipologie di carboni distinti per:

Tipo di lavorazione: Vale a dire che possono essere in polvere, granulati che sono quelli frantumati o pellet, che si ricavano col processo dell’estrusione per cui avviene una forte adesione fra due superfici.

Diverse proprietà di assorbimento: Tengono conto principalmente della struttura dei pori e si dividono principalmente in micro-, meso- e macro-porosità.

Diverse strutture interne del carbonio: Le diverse tipologie di strutture possono portare diversi effetti chimici e fisici.

Per differenti proprietà fisiche e meccaniche: Queste differenze si basano principalmente sulle varie caratteristiche di filtrazione.

I carboni attivi, ad esempio, vengono impiegati nei filtri dell’acqua e dell’aria per eliminare le impurità o gli elementi contaminati. Nello specifico quando l’acqua o l’aria passano attraverso i carboni, le molecole che possono risultare contaminanti si bloccano alla loro superficie porosa portando, quindi, alla purificazione dei due elementi.

L’applicazione dei carboni attivi, proprio per questa straordinaria capacità, si estende a molti settori, quali ad esempio: alimentare; automobilistico; ma anche il farmaceutico, in cui vengono utilizzati per purificare prodotti e vitamine, enzimi o antibiotici.

In italiano: L’industria farmaceutica si affida ai carboni attivi NORIT® per purificare numerosi prodotti farmaceutici. I nostri processi di produzione altamente controllati forniscono carboni attivi con purezza, consistenza, tracciabilità e verificabilità.

I carboni attivi NORIT® vengono impiegati come supporti nei vari processi industriali, a dimostrazione di come l’azienda sia stata in grado di affermarsi a livello globale con la sua etica lavorativa, attenzione ai particolari e volontà di mettere in sicurezza le tipologie di prodotti che le altre aziende producono.

Come la sostenibilità entra nel mondo NORIT®: un processo circolare

La produzione e la lavorazione dei carboni attivi con NORIT® entra a far parte di un processo green e circolare che ha sicuramente un impatto molto positivo per quanto riguarda la salvaguardia della salute delle persone e la qualità dei prodotti.

1694702468914 - easy4green
Una delle sedi di NORIT®
Crediti foto: Sito web di NORIT®

NORIT® come realtà ha da sempre adottato un interessante principio di recupero, nel senso di ridare una nuova vita ai rifiuti per riuscire a dare un contributo al Pianeta e al rispetto ambientale.

Tradotto significa che, NORIT® ritira il carbone esausto dalle aziende e lo sottopone a un processo di riattivazione termica, grazie al quale si riduce la quantità di materie prime necessarie per la filtrazione, tramite forni appositi, restituendolo successivamente riattivato e pronto ad essere utilizzato di nuovo.

Questa filosofia lavorativa, oltre ad essere molto ecologica, offre anche dei vantaggi economici alle altre aziende perché così riescono ad evitare costi molto alti per lo smaltimento.

Recuperiamo materia prima anziché utilizzare nuove fonti di approvvigionamento per realizzare carbone attivo. Noi recuperiamo quello esausto, quindi lo riattiviamo.

Facciamo un processo molto simile all’attivazione del carbone attivo partendo dalle materie prime e lo restituiamo ai clienti. Il nostro è un percorso completamente chiuso, circolare e non consumiamo materiale nuovo.

Fabio Fabbri, Amministratore delegato di NORIT® italia

Con queste parole, Fabio Fabbri, amministratore delegato di NORIT® Italia, ha illustrato il loro approccio lavorativo: mettendo in evidenza la possibilità di recuperare il carbone già impiegato, si può ridurre significativamente l’impatto sull’ecosistema, riutilizzandolo e, contemporaneamente, abbattere drasticamente i costi aziendali. Ciò contribuisce a preservare non solo l’ambiente, ma anche a garantire la sostenibilità economica delle aziende coinvolte.

Fabbri ha illustrato come NORIT® abbia sempre adottato un approccio sostenibile, evitando completamente la lavorazione di nuove materie prime. Tale scelta mira a dimostrare la possibilità di realizzare un prodotto finale di alta qualità e sicuro attraverso il recupero di materiali da terze parti.

Ma cos’è la riattivazione dei carboni attivi?

La riattivazione è un processo per rigenerare carboni attivi granulari o pellettizzati esausti per riutilizzarli per un altro ciclo.

In questo processo vengono rimossi agenti contaminanti che vengono poi resi innocui tramite un meccanismo di conversione, il tutto per avere una lavorazione che non vada a danneggiare l’ambiente. Il motivo per cui possiamo definire sostenibile questo tipo di processo è dato dal fatto che, la riattivazione dei carboni attivi produce una minore quantità di gas serra di circa l’80% rispetto all’utilizzo materie prime mai lavorate.

La riattivazione, inoltre la possiamo suddividere in 2 tipologie:

Quella verde: il carbonio esaurito arriva da acqua potabile o da un utilizzo alimentare.

Quella ambra: in cui il carbone attivo saturo arriva dalla purificazione chimica specialmente delle acque reflue, meglio conosciute come acque di scarico, o del gas.

In italiano: L’adsorbimento è il processo di cattura delle impurità all’interno della struttura porosa di un materiale poroso, come il carbone attivo. Il carbone attivo NORIT® è appositamente progettato per rimuovere o separare in modo efficace le contaminazioni desiderate dal biogas e dal RNG, fornendo una soluzione di purificazione affidabile ed efficiente. Scopri di più sulla scienza dietro questo processo e su come può beneficiare la tua azienda.

Partecipare ad un evento come Ecomondo fornisce a NORIT® l’opportunità per comunicare in modo efficace le pratiche sostenibili adottate dall’azienda mostrando il suo impegno verso la responsabilità sociale, oltre che stabilire nuovi contatti, creare partnership e rimanere aggiornati sulle ultime tendenze di mercato.

Impegno di NORIT® e delle sue azioni si riflette sulla comunicazione!

Una realtà come questa che vi abbiamo raccontato, che lavora in un settore così specifico ci dimostra di come sia possibile raggiungere un metodo di lavoro sostenibile trovando sempre nuovi soluzioni per aiutare se stessi, gli altri e l’ambienti.


Organizzazioni di questo calibro meritano una visibilità più ampia al di là del loro ambito professionale.

Screenshot 2023 12 05 alle 10.29.24 - easy4green
Parte dello stand di NORIT® a Ecomondo 2023

Non solo per la comprensione dei complessi processi legati ai carboni attivi, ma soprattutto per illustrare come, con volontà e consapevolezza, sia possibile contribuire al miglioramento del nostro pianeta attraverso molteplici approcci.

Come sottolineato da Fabio Fabbri, queste realtà dimostrano che l’impegno per la sostenibilità può assumere molte forme diverse, ma è fondamentale comunicarlo:

La comunicazione, fare anche porte aperte, avere la possibilità di far visitare il nostro stabilimento dà opportunità alla comunità locale, di conoscerci meglio e quindi di avere maggiore consapevolezza dell’attività che si sta svolgendo e di come la sostenibilità sia un elemento fondamentale oggi, nel 2023 e per il futuro.

Ti è piaciuto questo articolo? Esprimi la tua opinione.

Loading spinner

Related Articles

Calcio sostenibile? Udinese calcio un modello da seguire

Scopri i motivi per cui l'Udinese Calcio è considerato il quarto club...

Kerr: Trasformare l’Efficienza Energetica in una Missione Sociale

Abbiamo intervistato Andrea Papa, COO di Kerr s.p.a., per conoscere i progetti,...

La missione di Melinda: intervista al Direttore Marketing Andrea Fedrizzi

Dalla Val di Non, l’impegno di Melinda arriva a Roma in occasione...